Conosciamo meglio il significato di esternalizzazione in Italia

Conserve a marchio proprio: il significato di esternalizzazione.


Tanti proprietari di un’azienda agricola o di un’attività che opera nel settore alimentare, come ad esempio un agriturismo, spesso e volentieri hanno un sogno, ovvero quello di realizzare dei prodotti a marchio proprio. Per poter permettere a questo desiderio di diventare realtà, bisogna prima comprendere il significato di esternalizzazione.


Esternalizzare vuol dire affidare ad un’azienda la produzione di un determinato bene. Nel caso specifico, Natura Conto Terzi mette a disposizione il proprio laboratorio alimentare per la trasformazione di frutta e verdura in conserve agroalimentari quali marmellate, sughi, composte, sottoli, sottaceti, passate e così via.



I punti di forza del conto terzi

Non sono molte le aziende che offrono un servizio di produzione conto terzi in quanto non è semplice garantire la qualità del processo in tutte le sue fasi e soprattutto quella del prodotto finale ottenuto. Natura Conto Terzi è molto attenta agli standard di produzione che bisogna mantenere: l’azienda si occupa con cura ed attenzione alla trasformazione di piccole e medie quantità di frutta e verdura sia tramite processi manuali ed artigianali che grazie all’ausilio di tecnologie di trasformazione innovative. Sono questi gli elementi che permettono di comprendere il vero significato di esternalizzazione.


Il procedimento di lavorazione prevede di sfruttare delle tecniche di trasformazione agroalimentare all’avanguardia nel settore. In particolare, viene utilizzata bolla di concentrazione, un macchinario che permette di lavorare la materia prima mantenendo intatti colori e profumi e con la quale è possibile ottenere prodotti di ogni tipo: si va dalle marmellate fino alle conserve, passando per composte, sottoli, sottaceti, sughi pronti, pesti ed altro ancora.

Ovviamente, seguendo quanto previsto dalla legge, Natura Conto Terzi provvederà al termine del processo di trasformazione agroalimentare, alla sterilizzazione o pastorizzazione del prodotto, in base alle necessità e alla tipologia dello stesso.


Il processo produttivo esternalizzato


Come dicevamo, uno dei punti di forza di Natura Conto Terzi è quello di svolgere il processo di trasformazione agroalimentare in modo artigianale ma con l’ausilio di macchinari all’avanguardia. Affidare il proprio raccolto affinché sia trasformato in conserve richiede infatti una certa attenzione per le procedure e l’utilizzo di tecnologie moderna aiuta molto in ogni fase della produzione. Riteniamo infatti che faccia la differenza sapere in che modo viene trattato il proprio raccolto.


significato di esternalizzazione

Conoscere l’intero procedimento aiuta a comprendere il significato di esternalizzazione. Il primo passo è quello della ricezione della frutta e della verdura presso l’apposito laboratorio di Natura Conto Terzi. Il passaggio successivo è quello che prevede una prima cernita manuale, lavaggio e quindi cottura sottovuoto nella bolla di concentrazione già menzionata. Quest’ultimo procedimento è stato scelto con un intento ben preciso: quello di non apportare eccessive modifiche al prodotto dal punto di vista organolettico. In questo modo frutta e verdura mantengono colori, sapori e profumi inalterati, come quando appena raccolti, determinando una maggiore gradevolezza del prodotto ed aiutando il consumatore nella scelta al momento dell'acquisto.


Successivamente alla cottura sottovuoto, il prodotto passa alla riempitrice e posto all’interno di appositi vasetti. Si passa quindi alla pastorizzazione o sterilizzazione e poi all’etichettatura. Ecco spiegato il significato di esternalizzazione.